Ascolta il nostro spot radio in onda sul gruppo

Sei nel settore Infettivologia

Sepsi

Secondo la più recente letteratura la sepsi (dal greco “sepsis” ovvero putrefazione) è una disfunzione d’organo potenzialmente fatale causata da una sregolata risposta dell’ospite ad un’infezione.

La sepsi è una condizione severa e grave per definizione.

Per combattere l’infezione, l’organismo attiva una serie di meccanismi che innescano una risposta infiammatoria sistemica (SIRS) che, laddove non prontamente controllata, evolve in sepsi, che conduce ad una disfunzione multiorgano (MOF) secondaria all’infezione o sepsi severa fino allo shock sistemico (shock settico).

Gli errori medici legati alla sepsi sono:

  • Mancato controllo dell’infezione: l’infezione può essere causata dalla scarsa pulizia della strumentazione, mancata pulizia delle mani o della struttura sanitaria, errata profilassi chirurgica, errata terapia antibiotica delle infezioni contratte ecc.
  • Mancata o ritardata diagnosi: in questo caso il medico non si accorge della condizione di sepsi del paziente e il ritardato trattamento delle sue conseguenze può essere fatale o diminuire la qualità di vita del paziente in caso di sopravvivenza

La sepsi ha un tasso di mortalità superiore all’ictus e all’infarto ed un ritardo nella diagnosi e/o nell’inizio della terapia può essere fatale riducendo drasticamente le percentuali di sopravvivenza del paziente.

Nei casi di sepsi moderata, il tasso di mortalità è del 15% circa tuttavia, questa percentuale sale oltre il 50% se la sepsi evolve fino allo shock settico.

Si parla di sepsi quando è presente un’infezione ed almeno due delle seguenti condizioni:

  • Temperatura corporea: inferiore ai 36 gradi (ipotermia) oppure superiore a 38 gradi (febbre)
  • Frequenza cardiaca: superiore ai 90 battiti al minuto (tachicardia)
  • Frequenza respiratoria: superiore a 20 respiri al minuto (polipnea)
  • Globuli bianchi nel sangue: superiore a 12.000 per mm³ (leucocitosi) oppure inferiore ai 4.000 per mm³ (leucopenia)

Ci sono dieci anni di tempo per richiedere il risarcimento del danno subito a causa di un errore medico per sepsi.

Se ritieni di esserne stato vittima, ti invitiamo a contattare lo Studio Legale Sgromo. I nostri professionisti saranno a tua disposizione per aiutarti ad avere giustizia.

Raccontaci il tuo caso di malasanità.



Se ritieni di aver subito un danno da responsabilità medica e desideri giustizia,
compila il modulo qui sotto. Ti chiameremo noi tempestivamente.

Accetto le condizioni relative alla norma sulla Privacy e le Condizioni d'uso.


Invia questo articolo ad un amico